Francesco Pinton
è un introspettivo, e le sue forme tendono a ciò a cui l’introspezione stessa tende, e in questo senso è difficile confrontarlo con l’epidermica fisicità ed esteriorità espansa che il fare scultoreo porta quasi sempre con sé.


Special thanks to Nelu Pascu